Aprire un call center, ecco perchè.. | Mandati per call center, Si2com

Oggi faremo un po di valutazioni oggettive su questo tema: aprire un call center teleselling, perchè e come.

Visto che ogni sorta di considerazione, può essere di carattere personale e influenzabile da più fattori, faremo qualcosa che sia poco opinabile: considerare il mercato leggendo i numeri.

Guardando l’impatto della spesa complessiva dell’industria dei call center, in Italia, si attesta con un valore di circa 2 miliardi e 556 milioni di Euro, arrivando a rappresentare circa lo 0,25% del Pil nazionale. 

Esistono falsi miti sulla produttività dei call center teleselling; i dati oggettvi dicono che facendo un buono sviluppo di questa attività, si possono raggiungere livelli di guadagno davvero elevati. Guardando la striscia dei dati di rilevamento, le proiezioni dicono che questo è un mercato ancora in via di espansione. Ecco il motivo per cui è interessante aprire un call center.

Ora dedichiamo due righe su cosa fare per aprire un call center. Cosa serve per stare in regola? Come si fa a vendere servizi in teleselling per brand prestigiosi come: Tim, Fastweb, Vodafone, Eni, Illumia ? Come si forma una sala? Quante postazioni è meglio avere? Che sistema gestionale è meglio scegliere? Da dove prendere i nominativi da far chiamare ai miei operatori?

La prima cosa fondamentale da fare è avere una forma societaria con l’oggetto sociale adeguato e fare rapidamente l’iscrizione al Roc: registro degli operatori della comunicazione. E’ un passaggio obbligatorio da fare, ma anche a costo zero, fattibile totalmente online in pochi passaggi (sarà necessario essere in possesso di firma digitale).

Per tutto il resto delle domande, se hai necessità, contattaci attraverso il form in basso. Si2com può fornirti tutti i servizi necessari, compresa la formazione necessaria. Invia una candidatura e valuteremo con piacere, una eventuale collaborazione.